Passa ai contenuti principali

Agli albori della Vesuviana OMG



Cesare Bialetti fu il fondatore delle Officine Meccaniche Gozzano.
Cesare comparve anni fa in questo Blog (http://caffettiere.blogspot.it/2013/05/juvara-bialetti.html),
Briciole di Storia.

Per i più attenti ai particolari vorrei far notare che nella descrizione del brevetto si cita la possibilità di interporre un disco in tessuto per migliorare la filtrazione.
Le buone idee sopravvivono..
http://caffettiere.blogspot.it/2014/03/mokkapaperpot.html



«La staffetta azzurra. Una ragazza nella Resistenza. Ossola 1944-1945», Page 97 (2002).

E' una bella copertura, sono molto contenta, grazie signora T. Visto che devo girare tanto, penso che sia bene farmi vedere anche da altre parti. Così ho una buona scusa per andare a trovare la mia amica Alba Bialetti a Piedimulera, cioè dalla parte opposta di dove vado di solito. Tra andata e ritorno da Pieve sono sette chilometri in più, ma ormai alle mie gambe poco importa, sono super allenate.
Sono molto contenta di vedere facce diverse, facce amiche, ma anche in casa Bialetti c'è guerra, una guerra molto personale di papà Bialetti. Lui, il cavaliere Cesare, ha una piccola fabbrica di manufatti metallici a Piedimulera e, dato che di questi tempi è più prudente starsene tappato in casa, passa il suo tempo a collaudare un nuovo tipo di caffettiera di sua invenzione. Non si può più andare in cucina senza il via libera; è pericoloso, ci si può trovare di colpo nel bel mezzo dell'esplosione e dell'eruzione di quel diabolico arnese. Immancabilmente, come arrivo, il cavaliere mi dice: «Ti preparo un buon caffè».
Con Alba e qualcuno dei suoi fratelli aspettiamo ridendo in salotto. Anche per questa volta niente caffè e la povera cucina, che ha assunto l'aspetto di un vero campo di battaglia, avrà qualche buco in più, segno dell'ennesimo fallimento di un'avveniristica caffettiera. I miei contatti non bastano più, papà vuole incontrarsi personalmente con Mondo, ha bisogno di parlargli non per interposta persona. Ma come fare? Lui non può girare come me, lo noterebbero subito. 






CONFEDERAZIONE SVIZZERA UFFICIO FEDERALE DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE

ESPOSTO D'INVENZIONE

Pubblicato il 16 agosto 1948

Classe

15/

Domanda depositata: 15 giugno 1946, ore 12. — Brevetto isoritto: 15 novembre 19; (Priorità: Italia, 19 febbraio 1946.)

BREVETTO PRINCIPALE

Società Anonima Fratelli Bialetti, Piedimulera (Novara, Italia)

Dispositivo per la preparazione domestica di infusi caldi, segnatamente di caffè espresso.

Oggetto del presente trovato è un dispositivo per la preparazione domestica di infusi caldi, segnatamente di caffè espresso il quale presenta, rispetto ad altri dispositivi del genere già noti, il vantaggio di una grande semplicità e di una buona sicurezza di funzionamento ed evita al tempo stesso l'uso delle guarnizioni che sono il punto debole di apparecchi del genere.

io II disegno annesso illustra schematicamente, parte in vista e parte in sezione assiale, un dispositivo secondo il trovato, destinato specialmente alla preparazione del caffè.

Fig. 1 è una vista del dispositivo completo ìs in posizione di funzionamento.

Fig. 2 è una vista laterale della cogoma.

Come risulta dal disegno, il dispositivo in questione comprende un corpo di caffettiera 1 destinato a funzionare da caldaia ed entro il 20 quale viene disposta l'acqua da scaldare per la preparazione dell'infuso. 2 è un canale ricavato di fusione- su un lato della caffettiera 1 ed entro il quale l'acqua bollente viene spinta per la pressione del vapore che si genera nella as parte superiore della camera 1 e che attraverso il condotto orizzontale 3 viene portato a passare attraverso i filtri 4 e 5 solidali l'uno al braccio sporgente 3' della caffettiera e l'altro all'organo amovibile 6 manovrabile per so mezzo del manico 7 ed entro il quale viene disposta la polvere che deve servire per la preparazione dell'infuso

Parallelo e sottostante al braccio orizzontale 3' sporgente dal corpo principale dell'apparecchio vi è un sostegno a mensola 9 sul quale viene disposta la cogoma 10 destinata a ricevere l'infuso pronto, per versarlo nelle diverse tazzine. Detta cogoma avrà dimensioni appropriate e corrispondenti a quelle della caffettiera e, in fig. 1 è rappresentata col coperchio 11 aperto pronta a ricevere l'infuso, mentre in fig. 2 è rappresentata chiusa, in vista ortogonale a quella della fig. 1.

Il funzionamento dell'apparecchio sopra descritto è il seguente: La caffettiera 1 nella quale sarà stata disposta l'acqua in quantità proporzionale al numero di tazzine d'infuso che si desidera ottenere, completa del porta-filtro 6 contenente la polvere per l'infuso, verrà riscaldata disponendola su un fornello a legna, carbone, gas o elettricità e verrà lasciata a scaldare fino a che la massa d'acqua contenuta in 1 non entra in ebollizione e sotto leggera pressione, sufficiente per obbligare la massa d'acqua a risalire attraverso i condotti 2 e 3 ed attraversare i filtri 4 e 5 nonché la massa di polvere contenuta tra essi.

Terminata tale preparazione, il porta-filtro 6 viene levato per disimpegno dal suo, collegamento a baionetta, con i piuoli 12 solidali al braccio fisso 3', la polvere usata verrà tolta e sopra al filtro 5 verrà posta dell'altra polvere fresca per la preparazione di altro infuso, indi il porta-filtro 6 verrà rimesso in

posto e, se l'acqua contenuta nella camera 1 sarà stata in massima parte adoperata, della nuova acqua verrà introdotta in essa attraverso l'apertura superiore della caffettiera s normalmente chiusa con un tappo a vite 13 che è senza guarnizione di tenuta, come pure il collegamento fra il braccio fisso 3' e porta-filtro 6.

In particolare, i filtri 4 e 5 saranno studiati in modo da non otturarsi col tipo di polvere che verrà comunemente usato per la preparazione dell'infuso e in particolare per ottenere una perfetta filtratura si potrà combinare col filtro metallico fisso 5 un filtro di sottile tessuto disposto preferibilmente al disotto del filtro 5 suddetto. La tenuta fra gli elementi 3' e 6 è assicurata dalla polvere del caffè stessa, che fa anche da guarnizione.

Inoltre il tutto è facilmente ispezionatole 2o e in particolare lo sono anche i condotti 2 e 3 grazie a fori d'ispezione appositamente previsti e chiusi normalmente con le viti 14 e 15.

 




Post popolari in questo blog

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …